Insalata russa con Secuquick

Insalata russa con Secuquick

Insalata russa con Secuquick.
L’insalata russa è sicuramente uno degli antipasti maggiormente apprezzati dalla stragrande maggioranza delle persone.
In questa guida vedremo quella che ritengo essere la classica ricetta (almeno nella mia famiglia), nonostante su internet se ne possano trovare di diverse varianti.

Le mie ricette per pentole AMC (Unità di cottura): Insalata russa con Secuquick.

Ingredienti

  • Carote (2)
  • Piselli (170 g)
  • Patate (3)
  • Uova (2)
  • Maionese (Una tazza)

Insalata russa con Secuquick

 

Procedimento

  1. Lavare e tagliare a pezzetti le verdure (piselli, carote e patate).
  2. Metterle all’interno del cestello (ben venga che siano gocciolanti).
    Sempre all’interno del cestello è possibile aggiungere le uova con il guscio. L’importante è lavarle bene. C’è però chi preferisce cuocerle a parte oppure non metterle.
  3. Nell’Unità di cottura mettere un bicchiere di acqua.
  4. Mettere il cestello all’interno dell’Unità di cottura.
  5. Chiudere con coperchio Secuquick.
  6. Impostare l’Audiotherm in SOFT per un tempo di cottura di 2 minuti.
  7. Lasciare aprire da solo.
  8. Alla fine, una volta che le verdure si sono raffreddate, aggiunge la maionese.

Ho provato a fare una ricerca online per capire le origini di questa ricetta.
Si dice che fu Lousiene Oliviè il creatore dell’insalata russa. Un uomo di origine francese residente a Mosca che di professione faceva il ristoratore.
Inizialmente la chiamò “Maionese al pollo e uccelli selvatici” ed era molto differente da quella che noi oggi prepariamo. Consisteva infatti in una portata con diverse tipologie di volatili accompagnate da salsa Provansal. Dopo aver visto però che i suoi clienti amavano mescolare la carne con la salsa stessa, Oliviè si infastidì e per ripicca iniziò a servire il piatto con la carne già immersa in molta maionese. Notò però un atteggiamento inaspettato da parte dei clienti che apprezzarono molto questa nuova composizione.
Sorpreso quindi, fu costretto ad aggiornare la sua ricetta iniziale.

Comments are closed.